{ "@context": "http://schema.org", "@type": "Organization", "url": "http://intrappola.to", "logo": "http://intrappola.to/assets/img/intrappolato_quadrato.jpq" , "contactPoint": [ { "@type": "ContactPoint", "telephone": "+393347733737", "contactType": "customer service" } ] }

2016-03-13 ‖ web

Adnkronos - 50 enigmi in 60 minuti, l'escape-game fa boom in Italia

Una cinquantina di enigmi da risolvere in 60 minuti. E' questa la chiave per aprire la porta ed uscire dalla stanza in cui si è intrappolati. Un gioco che in Italia sta cavalcando l'onda del successo già registrato in Asia, Europa e più di recente negli Stati Uniti. Il nome stesso ne sintetizza l'esperienza: Intrappola-To. Ovvero, 'escape-room' reali, presenti in ben 17 città lungo tutto lo Stivale, che raccolgono circa 15.000 giocatori ogni mese. L'idea è di due quarantenni, Daniele Massano (giornalista) e Stefano Gnech (ingegnere gestionale). "Tutto è nato per gioco: cinema, letteratura e video-game sono stati fonte di ispirazione nella realizzazione del progetto", racconta all'Adnkronos Daniele Massano. "In sostanza - spiega Massano - abbiamo provato a pensare come trasportare nel mondo reale esperienze già viste in un film o lette in libro: persone rinchiuse in un ambiente ostile da cui devono fuggire avendo poco tempo a disposizione per evitare atroci conseguenze". La squadra (da due a sei giocatori) che si ritrova chiusa nella stanza ha un'ora di tempo per scoprire indizi, identificare codici, risolvere combinazioni (in totale tra i 45 e 50 giochi di logica e osservazione) e aprire un lucchetto dopo l'altro per tentare di riconquistare la libertà. I giocatori sono soli sin dal loro arrivo: la porta di ingresso è anonima, non c'è reception né accoglienza, solo un codice di ingresso inviato via mail d