MEDIA

2015-01-29 ‖ web

Repubblica.it - Escape room e il videogioco diventa realtà

Sessanta minuti di tempo per uscire dalla stanza, una ventina di rompicapo da risolvere per riuscire nell'impresa. L'impressione è quella di finire catapultati nella stanza di Saw l'enigmista. E' la prima escape room d'Italia ed è nata a Torino in via Principe Tommaso 21 dall'idea di Stefano Gnech, 41 anni, ingegnere e fotografo e di Daniele Massano, giornalista. Si chiama Intrappola. To. La porta di ingresso è anonima: non c'è reception né accoglienza, solo un codice di ingresso inviato via mail dopo l'iscrizione on line. Poi si entra in uno spazio diroccato: è buio e sullo schermo in fondo il tempo comincia a scorrere. Fino ad ora solo una squadra, delle circa 150 che si sono cimentate nella sfida ha completato tutte le prove. " C'è una probabilità di riuscita del 7 percento", spiega Gnech. Intrappola. To esiste da nemmeno dieci giorni ed è già schizzato in cima alla classifica della trazioni torinesi su Tripadvisor. Esperimenti simili in Europa esistono solo in Spagna e ora i due torinesi sono già pronti a raddoppiare. " Presto apriremo una seconda stanza così le squadre potranno sfidarsi anche tra loro". Nei progetti c'è anche l'ipotesi di esportare il format a Milano e in altre città italiane.

CONTACT US